Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


Channel Description:

Filosofia, Libri, Scuola, Storia, Web ...

older | 1 | (Page 2) | 3 | 4 | .... | 21 | newer

    0 0

    Come accade per tutte le guerre, anche per quella che divise e insanguinò l'America, nota come guerra di secessione o guerra civile americana, i canti sono una testimonianza importante perché testimonianza o dei reali sentimenti di chi combatté e subì quella guerra o della retorica e dell'ideologia con cui quella guerra venne presentata alle popolazioni civili perché la combattessero.

    John Brown's Body
    Composta intorno al 1861, ne esistono innumerevoli versioni. Divenne una delle più famose canzoni nel corso della guerra di secessione americana dove veniva usata come marcia militare e canzone di battaglia e lo stesso John Brown divenne un martire della causa nordista. E' assurta a simbolo del sentimento abolizionista dell'Unione che, secondo la propaganda unionista, si batteva per la libertà degli schiavi e l'uguaglianza degli uomini contro i Confederali (Stati Confederati d'America) che invece sarebbero stati i difensori della schiavitù. Il canto fa riferimento al famoso episodio di John Brown, abolizionista nero che nel 1859 tentò di dare il via a una rivolta armati in Virginia per liberare gli schiavi e per questo venne condannato a morte il 2 dicembre del 1859.

     
    Questo il testo
    John Brown's body lies a-mouldering in the grave,
    John Brown's body lies a-mouldering in the grave,
    John Brown's body lies a-mouldering in the grave,
    But his soul goes marching on.

    Chorus:
    Glory, glory, hallelujah,
    Glory, glory, hallelujah,
    Glory, glory, hallelujah,
    His soul goes marching on.

    He's gone to be a soldier in the Army of the Lord,
    He's gone to be a soldier in the Army of the Lord,
    He's gone to be a soldier in the Army of the Lord,
    His soul goes marching on.
    Chorus:

    John Brown's knapsack is strapped upon his back,
    John Brown's knapsack is strapped upon his back,
    John Brown's knapsack is strapped upon his back,
    His soul goes marching on.
    Chorus:

    John Brown died that the slaves might be free,
    John Brown died that the slaves might be free,
    John Brown died that the slaves might be free,
    His soul goes marching on.
    Chorus:

    The stars above in Heaven now are looking kindly down,
    The stars above in Heaven now are looking kindly down,
    The stars above in Heaven now are looking kindly down,
    His soul goes marching on
    Chorus:

    Versione italiana di John Brown's Body
    John Brown giace nella tomba là nel pian
    dopo una lunga lotta contro l'oppressor;
    John Brown giace nella tomba là nel pian,
    ma l'anima vive ancor.

    Rit. Glory, glory hallelujah
    glory, glory hallelujah,
    glory, glory hallelujah
    ma l'anima vive ancor.

    Con diciannove suoi compagni di valor,
    dall'Est all'Ovest la Virginia conquistò;
    con diciannove suoi compagni di valor,
    ma l'anima vive ancor.

    Poi l'hanno ucciso come fosse un traditor
    ma il traditor fu quell'uomo che l'impiccò;
    poi l'hanno ucciso come fosse un traditor,
    ma l'anma vive ancor.

    John Brown è morto ma lo schiavo è in libertà,
    tutti fratelli, bianchi e neri siamo già.

    John Brown è morto, ma lo schiavo è in libertà,
    ma l'anima vive ancor.

    Oh, non temere colui che il corpo ucciderà
    se la tua anima rapir non ti potrà;
    Oh, non temere colui che il corpo ucciderà
    se l'anima vive ancor.

    Stelle dei cieli non piangete su John Brown,
    stelle dei cieli sorridete con John Brown;
    stelle dei cieli non piangete su John Brown,
    la sua anima vive ancor.

    Tomba di John Brown 


    0 0

    Yandky Doodle Dandy fu una delle canzoni patriottiche più famose della tradizione anglo-americana fu popolarissima nel corso della guerra di indipendenza americana e in seguita anche durante la guerra di secessione. In realtà la canzone risale alla guerra franco - indiana che si combatté tra il 1754 e il 1763 e rientra nel contesto del conflitto conosciuto come guerra dei sette anni. L'esercito britannico, contrapposto a quello francese e alle tribù indiane alleate con i francesi, ebbe la meglio ed espulse i francesi dal Nord America.  
    Accanto all'esercito regolare britannico combattevano le milizie composte da volontari civili di bassa estrazione, molti dei quali discendenti dei primi emigrati olandesi denominati Yankee dal nome Jan Kees molto diffuso tra i coloni olandesi. 
    Esistono numerose versioni riguardo alle origini di questa canzone. Secondo quella più diffusa la musica sarebbe quella di una filastrocca diffusa nel XVIII secolo "Luky Locket", il testo sarebbe opera di un medico inglese il Dr. Shackburg, che la scrisse intorno al 1755 per prendere in giro le milizie dei volontari dopo averle viste marciare. Comunque vi sono molte altre ricostruzioni dell'origine di questo canto .
    Nel testo sono presenti numerosi termini derivati da lingue diverse dall'inglese come "Doodle" che deriverebbe dal tedesco e significherebbe sempliciotto (dudel, dodel) o la parola "macaroni" che indicava un tipo di capigliatura considerato estremamente raffinato.
    Durante la guerra civile la canzone venne utilizzata sia al Nord che al Sud per deridere gli avversari. Nonostante questo scopo canzonatorio, Yankee Doodle divenne, per la sua melodia popolare e il suo successo una sorta di Inno dell'Unione.


    Questo il testo di Yankee Doodle 
    Yankee Doodle went to town,
    A-riding on a pony,
    He stuck a feather in his hat
    And called it macaroni.
    chorus

    Yankee Doodle, keep it up,
    Yankee Doodle dandy,
    Mind the music and the step,
    And with the girls be handy.

    Father and I went down to camp,
    Along with Captain Goodin',
    And there we see the men and boys
    As thick as hasty puddin'.
    chorus

    And there was Gen'ral Washington,
    Upon a slapping stallion,
    A-giving orders to his men-
    I guess there was a million.
    chorus

    A long war then was fought and won:
    The British were defeated,
    And Yankee Doodle was the march
    To which their troops retreated.
    chorus

    In questa video Yankee Doodle è rappresentata attraverso un'animazione e con i sottotitoli



    Traduzione libera del testo di Yankee Doodle in italiano


    Quello scemo di uno yankee è andato in città cavalcando un pony,
    Ha attaccato una piuma sul suo cappello come fanno i maccheroni.

    Scemo di uno yankee, tienti su, scemo di uno yankee elegantone.
    Attento alla musica e allo scalino e con le ragazze sii carino.

    Io e mio papà siamo andati al campo con il capitano Gooding,
    E là abbiamo visto uomini e ragazzi pigiati come in un budino.

    Scemo di uno yankee, tienti su, scemo di uno yankee elegantone.
    Attento alla musica e allo scalino e con le ragazze sii carino.

    0 0

    Rispetto ad altri canti militari della guerra civile americana, When Johnny Comes Marching Home risulta meno carica di retorica militare e patriottica, in quanto esprime il sentimento di ansiosa attesa provato da parenti e amici per il ritorno a casa dei propri cari dalla guerra. L'origine della melodia della canzone è stata da alcuni ricondotta a un canto pacifista irlandese Johnny I Hardly Knew Ye, che è una denuncia della guerra e manifesta ostilità per essa e per l'arruolamento militare e si conclude, inoltre, con il ritorno di Johnny reso mutilato e cieco dalla guerra. Secondo altri tale ipotesi non sarebbe accettabile in quanto non si hanno prove che Johnny I Hardly Knew Ye sia antecedente a When Johnny Comes Marching Home.
    Il testo è stato invece composto dal direttore di banda Patrick Gilmore, di origine irlandese, e parlerebbe di John O'Rourke, fidanzato della sorella e del suo atteso ritorno dalla guerra. Rispetto al testo di "Johnny I Hardly Knew Ye" quello della canzone di Gilmore non si conclude negativamente e non ha un tono "disfattista", rientra piuttosto nella tradizione del trionfale ritorno a casa dell'eroe dopo il compimento del proprio dovere. C'è da credere che la realtà della guerra civile e di quelle che dopo verranno, sia molto meglio raffigurata da "Johnny I Hardly Knew Ye". 



    Testo di When Johnny Come Marching Home e traduzione italiana
    When Johnny comes marching home again
    Hurrah! Hurrah!
    We'll give him a hearty welcome then
    Hurrah! Hurrah!
    The men will cheer and the boys will shout
    The ladies they will all turn out
    And we'll all feel gay
    When Johnny comes marching home.

    The old church bell will peal with joy
    Hurrah! Hurrah!
    To welcome home our darling boy,
    Hurrah! Hurrah!
    The village lads and lassies say
    With roses they will strew the way,
    And we'll all feel gay
    When Johnny comes marching home.

    Get ready for the Jubilee,
    Hurrah! Hurrah!
    We'll drink him a toast or two or three,
    Hurrah! Hurrah!
    The laurel wreath is ready now
    To place upon his loyal brow
    And we'll all feel gay
    When Johnny comes marching home.

    Let love and friendship on that day,
    Hurrah, hurrah!
    Their choicest pleasures then display,
    Hurrah, hurrah!
    And let each one perform some part,
    To fill with joy the warrior's heart,
    And we'll all feel gay
    When Johnny comes marching home.
    Quando Johnny marcerà verso casa
    Urrà! Urrà!
    Gli daremo di cuore un benvenuto
    Urrà! Urrà!
    Gli uomini saluteranno e i ragazzi strilleranno
    Tutte le donne accorreranno
    E sarà una festa per tutti
    quando Johnny marcerà verso casa.

    La vecchia campana della chiesa risuonerà di gioia
    Urrà! Urrà!
    Per accogliere il nostro caro ragazzo,
    Urrà! Urrà!
    Diranno ragazzi e ragazze del villaggio
    Copriranno di rose la strada,
    E sarà una festa per tutti
    quando Johnny marcerà verso casa.

    Preparatevi al festeggiamento,
    Urrà! Urrà!
    Che faremo al nostri eroi tre volte tre,
    Urrà! Urrà!
    La corona d'alloro è pronta adesso
    Per ornare la sua fronte leale
    E sarà una festa per tutti
    quando Johnny marcerà verso casa.

    Pace ed amicizia quel giorno,
    Urrà! Urrà!
    Mostrino dunque i loro eletti piaceri,
    Urrà! Urrà!
    E ciascuno faccia la sua parte,
    Per riempire di gioia il cuore del guerriero,
    E sarà una festa per tutti
    quando Johnny marcerà verso casa.

    spartito originale di When Johnny Comes Marching Home
    Il successo della canzone di Gilmore fu immediato, si diffuse nel corso della guerra civile (1861 - 1865) e sulla sua melodia ne furono realizzate varie versioni  in cui il testo cambiava a seconda degli scopi propagandistici e/o patriottici  come nel caso della parodia confederata in cui si denunciavano i saccheggi compiuti dai soldati dell'Unione a New Orleans.
    Il canto ebbe molto successo anche al cinema, il pezzo infatti compare come colonna sonora o tema di molti film come il "dottor Stranamore" di Kubrick, Die Hard - Duri a morire, Il grande dittatore di Chaplin, Soldati a cavallo di Ford, ecc.

    Un rifacimento molto conosciuto della canzone è quello dei The Clash, versione del 1978 dal titolo English Civil War.


    0 0

    Un esempio di utilizzo di Thniglink: La Guerra Civile Americana. L'immagine interattiva consente di navigare attraverso varie fonti e risorse multimediali presenti sul web e di offrire un quadro generale di questo evento.



    Per vedere l'immagine a nella sua dimensione originale seguire il link diretto: Guerra Civile Americana

    0 0

    Una lezione molto chiara su Freud e la psicanalisi e su Jung e la psicologia dell'inconscio collettivo e degli archetipi. I principali concetti del percorso filosofico e psicologico dei due autori vengono spiegati da Galimberti in modo molto efficace e consentono di farsi un'idea, generale e introduttiva, del pensiero di entrambi. La video lezione è tratta dalla collana "Il caffè filosofico - La filosofia raccontata dai filosofi" (Repubblica - L'Espresso), ed è ospitato nel canale youtube di libera scienza, che merita una visita per le molte risorse che mette a disposizione sia di storia che di filosofia, tra cui l'intera serie di 16 lezioni del Caffè Filosofico.
    La visione risulta molto utile per gli studenti sia come introduzione al pensiero di Freud e Young, sia come ripasso. 


    INDICE DEL VIDEO
    FREUD, PSICOLOGIA E FILOSOFIA
    0:00 Le due soggettività
    2:15 La vita di Freud
    5:30 Le pulsioni
    L'INCONSCIO
    8:30 Es, Io e Super io
    10:30 Una questione di equilibrio
    12:30 Le istanze sociali e la morale
    16:30 Il caso di Anna O.
    18:40 L'io e le nevrosi
    21:45 L'isteria
    23:50 Il principio di piacere
    L'ESSERE UMANO
    26:15 La psiche
    28:15 Le fasi dello sviluppo psicologico
    30:00 La fase del controllo
    33:55 Il complesso di Edipo
    37:50 Edipo e il mondo maschile
    40:40 Edipo e il mondo femminile
    44:10 Pensieri
    45:55 Il disagio della civiltà
    LA FOLLIA E L'UMANITÀ
    49:45 Una diversa visione dell'inconscio
    52:55 La vita di Jung
    56:20 I sogni e l'ordine della ragione
    58:00 Il valore della follia
    1:00:15 La personalità latenti
    LA VISIONE DI JUNG
    1:04:20 La concezione dei simboli
    1:08:00 La concezione della nevrosi
    1:10:00 Pensieri
    1:11:35 Diventa ciò che sei
    1:13:55 Due scenari della psiche
    CONCLUSIONI
    1:17:00 Il futuro della psicoanalisi

    0 0
  • 04/26/13--22:09: Article 0
  • Fotor è una piattaforma per l'editing di immagini gratuita. Si tratta di una applicazione web o webware che non richiede registrazione E' anche possibile scaricare gratuitamente una versione software (desktop app) di Fotor da installare sul proprio PC. 
    Fotor risulta molto semplice da utilizzare e molto versatile in quanto consente di ottimizzare le immagini, creare collages di immagini, inserire testo, modellare le immagini inserendole entro contorni predefiniti, inserire clip art, ecc. 
    Fotor  è molto versatile e consente diverse attività di elaborazione delle immagini. La piattaforma dispone infatti di 3 differenti funzionalità: Photo Editing, Photo Collage, Photo Cards,

    Photo Editing
    Le principali funzionalità di Fotor come editor di immagini sono: 
    Basic Edits - operazioni di base sulle immagini: ruotare; ridimensionare; ottimizzare i colori (curve); regolazione contrasto, luminosità, saturazione; regolazione tonalità (esposizione, brillantezza, ombre), tinta e temperatura colore, ecc 
    Effetti - Filtri: applicazione di oltre 60 tipi diversi di filtri suddivisi in 7 categorie principali e personalizzabili; Frames: applicazione di decine di cornici differenti ciascuna delle quali può essere personalizzata;
    Clip Art: possibilità di inserire clip art che possono essere selezionate attraverso delle parole chiave;
    Testo: inserimento testo di cui possiamo decidere dimensioni, colore, stile;
    Brushes - Pennello: per disegnare nell'immagine 

    Photo Collage
    Oltre al pannello di strumenti per l'editing di immagini Fotor offre anche una serie di strumenti definiti Photo Collage che consentono di realizzare collages di immagini attraverso l'utilizzo di modelli preimpostati e personalizzabili; intervenire sui bordi dell'immagine; realizzare montaggi tramite sfondi predefiniti in cui è possibile inserire immagini; utilizzare le nostre immagini per riempire testi (text shapes) o contorni (shape collage). 

    Photo Cards
    Infine esiste anche la possibilità di creare cartoline a partire da modelli personalizzabili con aggiunta di testi, clip art, ecc., il tutto attraverso una procedura guidata molto semplice da usare

    Link

    0 0

    La situazione dei giovani in Italia si presenta estremamente problematica. Per meglio comprenderla in questa "storia" realizzata con Storify ho raccolto documenti, informazioni, infografiche, dati statistici che ne offrono un quadro generale in relazione ai parametri macroeconomici italiani, alla formazione, al lavoro
    Link diretto a: La condizione dei giovani in Italia

      

    0 0

    Una lezione sull'Illuminismo e Kant tenuta da Maurizio Ferraris che utilizza un linguaggio semplice, efficace e a tratti ironico per fornire una spiegazione sintetica ma completa dei due argomenti. Il video è presente nel canale Youtube di Libera Scienza, dove è anche disponibile un indice cliccabile degli argomenti trattati in modo da poter direttamente vedere e ascoltare le parti che più interessano.

    La lezione del prof. Ferraris è tratta dalla collana "Il caffè filosofico - la filosofia raccontata dai filosofi", Repubblica - L'Espresso, del 2009.



    KANT E L'ILLUMINISMO
    0:00 Chi era Immanuel Kant
    3:45 Kant e il suo tempo
    6:00 Pensare liberamente
    11:45 L'Illuminismo in Europa
    13:35 La ragione contro il pregiudizio
    IL PENSIERO DI KANT 
    24:30 Kant e la scienza moderna
    31:55 Le rivoluzioni del Settecento
    33:55 Due occhi che guardano il mondo
    CHE COSA POSSO CONOSCERE?
    37:30 La critica della ragion pura
    46:40 I princìpi della conoscenza
    54:20 Gli strumenti dell'intelletto
    1:00:05 Pensieri
    COSA DEVO FARE? 
    1:01:50 La critica della ragion pratica
    1:11:20 L'etica del dovere
    1:20:00 La legge morale
    LA BELLEZZA E LA NATURA
    1:25:15 La critica del giudizio
    1:37:00 Conclusioni

    LINK UTILI
    http://temi.repubblica.it/iniziative-filosofia/
    http://temi.repubblica.it/iniziative-capirelafilosofia/

    0 0

    Cosa Sono Storify e Zeen
    Storify e Zeen sono strumenti per la content curation e lo storytelling, tradotto in italiano si tratta di software on line o webware che permettono di creare molto facilmente delle "storie" e di realizzare aggregazioni graficamente piacevoli e efficaci di determinati contenuti tratti dal web su determinati temi.
    Per saperne di più su Storify: Storify, storytelling e content curation
    per saperne di più su Zeen: Zeen, magazine e storytelling

    Il loro uso nella didattica
    Si tratta di strumenti molto utili nella didattica, non solo per quando il docente deve presentare alla classe e in presenza determinati argomenti sfruttando le informazioni e gli elementi multimediali presenti sul web, ma anche per permettere agli studenti di creare delle loro presentazioni on line sul modello del magazine, della storia, dello stream di ipermedia. 

    Obiettivi disciplinari e cognitivi
    L'esercizio offre allo studente la possibilità di approfondire la sua conoscenza di un argomento disciplinare o interdisciplinare, permette inoltre di:
    - sviluppare le sue capacità critiche e creative;
    - potenziare la sua padronanza degli strumenti del web (webapp, webware, ecc.)
    - acquisire consapevolezza della complessità delle informazioni (info obesity) e della necessità di costruire il sapere secondo un approccio critico e cooperativo.

    I lavori degli studenti
    Presento alcuni esempi dei lavori di storia realizzati dagli studenti delle classi III e IV F del Liceo Scientifico "G. Brotzu" di Quartu Sant'Elena utilizzando Storify Zeen
    I lavori sono visibili cliccando sul link

    Storia III
    Frau Ilaria: Martin Lutero e la riforma protestante
    Enrica Portas: L'Invenzione della stampa
    Michele Serri: L'Invenzione della stampa
    Claudia Tronci: Enrico VIII

    Storia IV
    Alessia MocciGiuseppe Garibaldi
    Kristian Paderi: Giuseppe Garibaldi L'eroe dei due mondi
    Lucia Senes: Giuseppe Mazzini, Verso l'unificazione italiana
    Michele Spiga:I moti del '20


    0 0

    Libera Scienzaè un canale Youtube che contiene più di un centinaio di video in italiano dedicati alla cultura, alla scienza, alla filosofia. I video sono tratti da programmi televisivi o iniziative culturali. Tutti i  video sono organizzati in Playlist e quindi molto facili da consultare, commentare, votare, condividere e incorporare nel proprio blog o sito.
    Tra le playlist segnalo:
    - novecento il secolo della scienza: nove video sulle più importanti scoperte e linee di ricerca della scienza del novecento
    - Il caffè filosofico: 15 lezioni in video di alcuni tra i principali protagonisti della vita intellettuale e filosofica italiana (Severino, Ferraris, Rossi, Bodei, Curi, Rodotà, ecc.) che spiegano alcuni tra i principali maestri della filosofia (Nietzsche, Popper, Marx, Derrida, Heidegger, Kant, i presocrtici, ecc.)
    - SuperQuark 2011: tutte le puntate di SuperQuark dell'anno 2011
    - Beautiful Minds: collana realizzata da Repubblica - L'Espresso - in collaborazione con Le Scienze;lezioni video su alcuni tra i più importanti esponenti della storia della nostra cultura, come: Pitagora, Archimede, Darwin, Lavoiser, Mendeleev, Gauss, Fermi, Godel e Turing, la teoria delle stringhe, ecc.

    Si tratta di risorse molto interessanti da utilizzare per l'apprendimento e l'insegnamento in modalità Blended learning o Flipped learning

    0 0

    Paolo Rumiz racconta la prima guerra mondiale ripercorrendo i luoghi del fronte italo - austriaco in un viaggio a puntate pubblicato su Repubblica. Il racconto è corredato da immagini, video, testimonianze sulla drammatica e tragica esperienza della grande guerra



    Caporetto, le battaglie del monte Grappa, la guerra nelle trincee, il sacrario dei caduti a Redipuglia, i caimani del PIave, il Montello, la guerra nei cieli, l'arroganza di Cadorna e dello stato maggiore, le lettere dal fronte e altre storie. Giunto ad oggi alla 20^ puntata il viaggio di Rumiz,continua e può esssere letto a questo indirizzo: http://www.repubblica.it/argomenti/grande+guerra

    0 0

    Dossier realizzato con Storify in forma di percorso guidato, in cui vengono segnalati e recensiti i più interessanti contributi relativi al dibattito sull'introduzione delle nuove tecnologie nella scuola con particolare riferimento all'uso di e-book e Tablet nella didattica.
    Per una visione ottimale e diretta del lavoro è possibile utilizzare questo link: http://storify.com/iangida/e-book-a-scuola


    0 0

    La mappa rappresenta le diverse concezioni sulla felicità che vengono proposte nell'ambito della filosofia ellenistica da stoicismo, epicureismo e scetticismo. Si tratta del problema filosofico fondamentale dell'ellenismo per la centralità che in esso acquista tale tematica assunta come finalità fondamentale della filosofia intesa come ricerca della tranquillità dell'anima e arte del saper vivere.
    La mappa è stata realizzata con Cmap Tools ed è stata pubblicata online, per visualizzare la mappa online basta cliccare QUI

    Qui sotto una miniatura dell'immagine statica della mappa concettuale, per visualizzarla nella dimensione originale cliccare sull'immagine



    0 0

    Diacronie si occupa di storia contemporanea, la rivista online è stata creata a Bologna il 29 Gennaio 2008 da un gruppo di studiosi indipendenti. Sono usciti finora 14 numeri tutti fruibili online. 
    Tra le sezioni è particolarmente interessanti quella relativa alla letture in cui sono presenti "recensioni" di saggi storici; segnalazioni di opere relative alle scienze sociali. E' anche possibile consultare lo scaffale di libri di Diacronie su anobii al seguente indirizzo http://www.anobii.com/diacronie/books 
    Utile per orientarsi in rete riguardo alle risorse sulla storia la sezione "Risorse" in cui sono presenti diverse sottosezioni (pubblicazioni periodiche, archivi, associazioni, istituzioni, temi, materiale cartografico, bibliografie online, bibioteche, emeroteche, ecc.) 
    Può servire per la consultazione anche la sezione "Indice articoli" che presenta l'indice generale degli articoli pubblicati ordinati alfabeticamente per autore. E' anche possibile utilizzare una barra di ricerca in cui inserire parole chiave presenti nel titolo dell'articolo, semplificando così il reperimento di quanto interessa. Tutti i testi pubblicati sono sotto licenza Creative Commons per cui l’utente è libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest’opera. Le istruzioni complete per l'utilizzo di Diacronie sono fornite in questa pagina: http://www.studistorici.com/citare-diacroni/
    E' possibile scaricare il testo integrale di tutti gli articoli in formato PDF. 


    LINK UTILI
    Indice dei numeri usciti: http://www.studistorici.com/dossier/

    0 0

    Officina della storia è un Magazine o rivista online dedicata alla storia contemporanea e pubblicata dal Centro studi Europa mediterranea dell'Università della Tuscia. Sono presenti varie sezioni che contengono articoli che trattano temi specifici, tra queste segnalo: 
    - Cinema e storia dedicato al cinema come memoria e testimonianza della storia; 
    - Tra le due guerre dedicato al trentennio compreso tra le due guerre mondiali 
    - Storia dell'Italia repubblicana in cui si tratta la storia dalla nascita della repubblica italiana a oggi cercando di far emergere la sua complessità, gli elementi di continuità e di discontinuità 
    - Integrazione e regionalismi che tratta del fenomeno dell’europeizzazione, la trasformazione di uno stato membro in conseguenza dell’appartenenza all’Unione europea e dell'importanza assunta, dai casi locali in termini sia di antagonismo con lo stato nazione, sia come laboratori in grado di incidere sulla formazione delle più grandi strategie nazionali. 
    - Storia italiana e integrazione europea In cui si tratta del rapporto tra storia nazionale e integrazione europea dalla ricostruzione al miracolo economico, dagli anni settanta all’età della globalizzazione e del postfordismo. - Storici e uso pubblico della storia dove ci si interroga sul ruolo e sulle modalità attraverso le quali lo storico di mestiere entra nel “gioco mediatico” della comunicazione culturale. 
    Gli articoli possono essere parzialmente letti online e scaricati nella versione itnegrale in formato PDF 

    LINK UTILI

    0 0

    StoricaMente - Laboratorio di storia, è una rivista online che nasce nel 2005 su iniziativa di un gruppo di giovani ricercatori con il sostegno del Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell'Università di Bologna. Obiettivo della rivista è la pubblicazione di articoli a contenuto multidisciplinare (storia, geografia, scienze politiche, antropologia, ecc.) ma anche di materiale divulgativo, didattico e storiografico. I numeri finora usciti con cadenza annuale sono 9 e sono interamente consultabili online. 

    Le principali sezioni in cui si articola il sito della rivista sono
    Dossier: saggi scientifici e interventi su uno specifico tema monografico 
    Studi e ricerche: saggi scientifici che espongono i risultati di ricerche originali 
    Comunicare storia: articoli e interventi di divulgazione storica; materiali didattici 
    Fonti e documenti: pubblicazione e analisi di documenti storici o storiografici, inediti o di difficile reperimento: fonti scritte, memorie, testimonianze, immagini. 
    Dibattiti: interventi e confronti su temi, ricerche o volumi di particolare interesse e attualità. 
    E' possibile abbonarsi a una mailing list per avere informazioni sulle novità. E' anche possibile scaricare gli articoli in formato PDF. 

    LINK UTILI 
    - Sommario comprendente tutti i numeri e tutti gli articoli: http://www.storicamente.org/sommario.htm

    0 0

    Più riguardo a Il fascismo

    Scopo di questo breve saggio sul fascismo di Mosse è fornire uno schema generale sul fascismo per essere in grado di fare congetture sul futuro dato che "il pericolo di un qualche tipo di autoritarismo è sempre presente"poiché i fattori da cui dipese il successo del fascismo e il consenso di cui godette agiscono anche oggi. 
    Molto sintetica e molto densa concettualmente, eppure chiara sul piano espositivo, l'analisi del fascismo compiuta da Mosse,ne individua ed esplicita i principali nodi teorici e cerca di sintetizzarli al fine di giungere ad una "teoria generale sul fascismo". 
    Questi i punti presi in esame: 
    1. mitologia fascista: il mito della terza forza, messianesimo e millenarismo, misticismo e religiosità laica; 
    2. L'uomo nuovo fascista e la rivoluzione fascista; 
    3. rifiuto della tesi per cui il fascismo non ha "sostanza intellettuale" e tentativo di definire la sua natura culturale, ideologia e pratica, interpretandolo come un "atteggiamento nei confronti della vita", una "esperienza". 
    4. mito della guerra e miti rigenerativi; 
    5. addomesticamento delle masse attraverso il culto e la liturgia. 
    Mosse individua quindi vari contenuti culturali di cui si alimentò l'ideologia fascista, romanticismo, liberalismo, socialismo e ideologia tecno - scientifica, rielaborati in una sintesi originale alla luce della mistica patriottico - nazionalista, dell'attivismo e del giovanilismo e dell'esperienza bellica assunta come modello della vita anche in tempo di pace.
    Mosse si sofferma quindi sull'utopia fascista (nuova Roma, III Reich) e sull'estetismo, il culto del bello, l'esaltazione della virilità come componenti dell'uomo nuovo. Interessante nella pagine conclusive il sintetico confronto tra Hitler e Mussolini. 
    Il più originale contributo di Mosse è la tesi secondo cui, per comprendere il successo del fascismo, l'enorme consenso che ebbe, non si possa ridurre una sua spiegazione ai soli fattori economici, sociali, politici, ma sia necessario anche considerare i miti che riuscì ad alimentare e con cui riuscì a mobilitare le masse e venire incontro alle loro aspettative e a manipolare la percezione che queste avevano di se, per cui, anche quando sotto il fascismo le loro condizioni peggioravano o rimanevano comunque immutate,queste percepivano la loro situazione come migliore.

    0 0


    Con Mindomo è possibile costruire mappe concettuali, inserirvi link a risorse multimediali (video, immagini, altre mappe, testi e documenti, audio, ecc.) e realizzare una presentazione in modo che la mappa venga visualizzata attraverso una serie di slide successive.
    In questo caso ho realizzato per gli studenti del terzo anno del liceo una mappa con tutti gli argomenti che in genere tratto in relazione alla tematica "Origini della filosofia" e ho linkato documenti vari che consentono di approfondire e/o meglio comprendere tale problematica.
    Gli snodi principali in cui si articola la mappa sono
    1. Che cos'è a filosofia: definizione di filosofia e citazioni sul suo significato (Eraclito, Pitagora, Aristotele, Platone, Gaarder, Ippocrate, Pascal);
    2. Origini filosofia: orientalisti e occidentalisti
    3. verità e opinione
    4. Mito e logos
    5. Realtà e apparenza.

    Link diretto alla mappa

    Make your own mind maps with Mindomo.

    0 0

    Presentazione in 15 slides relativa alle caratteristiche dello stato moderno. Vengono illustrati i due modelli principali di monarchia che si affermano nel corso del XVII secolo: l'assolutismo in Francia con Luigi XIV e la monarchia costituzionale inglese che si impone dopo la gloriosa rivoluzione.
    La presentazione è stata realizzata utilizzando immagini, tabelle, mappe concettuali, elenchi puntati, ecc. allo scopo di accompagnare la spiegazione in aula ed è consultabile online in quanto ospitata su slideshare in modo che gli studenti possano visualizzarla anche da casa. 
    E' stata realizzata da me rielaborando una presentazione in 6 slides di Giorgio De Vecchi e utilizzando una slides di una presentazione di Marco Migliardi.


    0 0

    Presentepassato è un portale dedicato alla storia ricco di materiali e strumenti per l'attività didattica. Il sito è gestito da Giorgio de Vecchi e Marco Fossati, grafica e impaginazione non sono ottimali, in quanto basate su scomodissimi frames, ma i lsto, nel suo complesso, è molto utile e facilmente navigabile.

    Finalità del sito è conoscere il passato per decidere consapevolmente nel presente. A questo scopo vengono presentati strumenti di analisi e comprensione documentati e approfonditi, fondati su un apparato storiografico articolato.

    Il sito è diviso in alcune sezioni principali:
    DOCUMENTI: contiene fonti storiche, storiografiche e culturali ordinate per tematiche (es. America ed Europa; Occidente e Oriente; Laicismo e radici cristiane; L'Iraq e le sue guerre; Forme della democrazia; ecc.)
    SCHEDE:  relative a paesi (Arabia Saudita) o eventi (guerra del golfo) o problematiche contemporanee (i curdi e il kurdistan)
    PERCORSI: vengono affrontati in maniera articolata e complessa alcuni problemi di geopolitica e storia conteporanea, per ora sono presenti due percorsi Israele e la Palestina; Il nuovo grande gioco
    DOSSIER: problematiche organizzate per nodi concettuali che privilegiano la riflessione storica rispetto alla narrazione dei fatti (Novecento barbaro; La guerra, la pace, i diritti umani; ecc.)
    DIBATTITI: temi e documenti per confrontare diversi punti di vista su problematiche di attualità

    Molto utile per la didattica della storia, alcuni percorsi e/o dossier possono costituire moduli formativi già completi per l'insegnamento e l'apprendimento della storia contemporanea nella scuola secondaria superiore

older | 1 | (Page 2) | 3 | 4 | .... | 21 | newer